Altre due immagini ad alta risoluzione, riprese in montagna, con un seeing piuttosto fortunato.
Giove sorge ormai in prima serata, ed è stata una piacevolissima anteprima alla nottata osservativa.

Ho provato a riprenderlo dapprima al fuoco diretto (quindi ad ingrandimenti più bassi), poi con una barlow 2.5x. La ripresa al fuoco diretto doveva essere un “tanto per provare”, si è invece rivelata quella migliore, dato che con la barlow ho avuto molte difficoltà di messa a fuoco (erano riprese un po’ improvvisate, inoltre eravamo già in modalità “notturna” con lo schermo del notebook oscurato).

Questa è l’elaborazione della ripresa al fuoco diretto.

Jupiter

Saturno comincia a sorgere in orari di buona osservabilità, e già verso le 4 di notte cominciava ad essere sufficientemente alto da essere ripreso.

Dato che stavamo già smontando tutto ho potuto togliere la schermatura del notebook, e mettere a fuoco un po’ meglio con la barlow 2.5x.

Early Saturn

È stata una gran bella nottata anche per le osservazioni deep sky, che in effetti erano lo scopo principale dell’uscita.

Le costellazioni del cielo primaverile permettono di andare veramente “in profondità”, con ammassi di galassie molto lontani e suggestivi.